News

Comunicare bene senza essere invadenti. Email marketing per eCommerce

Calibrare la frequenza, il contenuto e il tono di voce delle email, garantendo utilità e valore a chi le riceve

  • L’email marketing è un canale di comunicazione con cui si possono aumentare i tassi di conversione, il numero di acquisti di un cliente e il valore medio del carrello.
  • Per evitare di essere ignorati o di finire nello spam, è fondamentale inviare messaggi mirati e rilevanti, segmentando la nostra mailing list in gruppi che condividono un minimo comun denominatore.
  • Definiti i nostri i gruppi, andiamo a creare i contenuti che rispondono alle loro esigenze, ricordandosi che ogni contenuto ha un obiettivo e ogni obiettivo ha il suo pubblico.
  • Per rendere efficiente il processo, dobbiamo automatizzare l’invio delle mail, attraverso l’identificazione di trigger e azioni che rispondono al comportamento e allo stato dei nostri clienti.
  • Il processo di automazione si affina col tempo, monitorando le metriche che ci fornisce il nostro software di email marketing e la nostra piattaforma ecommerce, nonché l’andamento delle vendite dello store.
  • Queste operazioni possono essere sviluppate con il supporto dell’intelligenza artificiale, che sono in grado di supportarci nella lettura dei dati, nello sviluppo dei contenuti e nei processi di automazione e invio.
  • Per approfondire l’argomento, un libro e un corso utili a sviluppare le competenze di email marketing.
email marketing tips_Academy_ecommerce-academy_b2commerce_banner

L’email marketing è un canale di comunicazione prezioso per un eCommerce. Un flusso di email ben gestito può far crescere:

  • I tassi di conversione dell’eCommerce.
  • Il numero di acquisti fatti da un singolo cliente.
  • Il valore medio del carrello.

Ma come ogni email marketing specialist sa, la possibilità di essere ignorati o, peggio ancora, di finire nello spam perché percepiti invadenti, è sempre dietro l’angolo.

Comunicare bene senza essere invadenti è dunque il principio attorno a cui si deve sviluppare una campagna di email marketing per eCommerce.

Ma come si può rispettare questo equilibrio?

Come si può calibrare la frequenza, il contenuto e il tono di voce delle email, garantendo che ogni messaggio inviato sia realmente utile o di valore per chi lo riceve?

Proviamo a scoprirlo insieme. Capiamo come:

  • Creare gruppi di pubblico che condividono interessi, comportamenti o stati.
  • Classificare i contenuti sulla base degli obiettivi di una mail.
  • Abbinare un gruppo di pubblico al giusto contenuto.
  • Automatizzare il processo di invio email.
  • Utilizzare le AI per supportarci in tutte le precedenti fasi.

 

 

Se vuoi rimanere aggiornato gratuitamente in ambito eCommerce e del Digital Marketing,
iscriviti alla nostra newsletter su LinkedInè gratis, e ti arriva 2 volte al mese

 

 

1. I soggetti di una campagna di email marketing: i nostri clienti.

Inviare mail senza avere idea di chi andrà a leggerle è un po’ come scoccare una freccia al buio sperando di centrare l’obiettivo. Possiamo avere fortuna, ma nella maggior parte dei casi saremo percepiti come i volantini che riceviamo nella cassetta della posta.

Per evitare questo rischio, dobbiamo far sì che la nostra comunicazione sia sempre costruita attorno a bisogni e necessità di chi la riceve.

1.1 Identificare le peculiarità dei nostri clienti: segmentare

Attraverso i dati forniti dal nostro eCommerce possiamo costruire una comunicazione personalizzata e su misura per il cliente. Per farlo, dobbiamo prima di tutto segmentare il nostro pubblico, cioè dividerlo in sottogruppi che condividono un interesse, un comportamento, uno stato, e attorno a ciò costruire la comunicazione che li riguarda.

Per trovare il minimo comun denominatore possiamo usare i dati che ricaviamo dalle seguenti fonti:

  • Piattaforma eCommerce: fornisce dati sulle abitudini di acquisto dei nostri clienti.
  • Piattaforma di email marketing: fornisce dati sulle attività dei nostri contatti
  • Strumenti di analisi dati, come Google Analytics (oggi GA4) o insight social: forniscono informazioni demografiche o sulle abitudini di navigazione dei nostri iscritti.

1.2 Esempi di segmentazione

Ecco alcuni esempi di dati che possiamo utilizzare per aggregare i nostri iscritti in gruppo omogenei:

  • Demografici: età, genere, localizzazione, occupazione, interessi, titolo di studio.
  • Comportamentali: storico degli acquisti, interesse per prodotti o servizi specifici, cliente attivo, cliente inattivo.
  • Conoscenza: interesse verso determinati argomenti (ad esempio lettori assidui del blog collegato allo store).
  • Attività: prodotti o servizi visualizzati, categorie cercate più spesso.
  • Conversione: iscritti che hanno effettuato un acquisto nell’ultimo mese/settimana/giorno, iscritti che hanno scaricato un contenuto, iscritti che non acquistano da un anno/sei mesi/un mese.
  • Coinvolgimento: utenti che aprono o ignorano le mail, o che si sono disiscritti dalla newsletter.
  • Anniversario: iscritti che hanno maturato un anniversario di iscrizione, acquisto, o altro.

I dati che possiamo osservare sono tanti, e possono variare dal tipo d attività o dai nostri obiettivi. Tuttavia, se stiamo iniziando, teniamo a mente questi consigli:

  • Manteniamo la segmentazione semplice: 2 o 3 gruppi chiave per iniziare vanno bene.
  • Monitoria regolarmente: le esigenze e i comportamenti dei clienti cambiano nel tempo.
  • Ottieni feedback: per capire se qualcosa non sta funzionando.

Anche se in questa fase può essere superfluo ribadirlo, è obbligatorio avere il consenso, da parte degli iscritti, all’utilizzo dei dati per l’invio di comunicazioni promozionali.

 

2. La creazione dei contenuti per la nostra campagna di email marketing

Definiti i nostri gruppi di pubblico, possiamo iniziare creare i relativi contenuti delle mail che andremo a inviare. Per prima cosa dunque, definiamo l’obiettivo che dobbiamo raggiungere, e poi associamo ad esso il gruppo che risponde a quella necessità.

2.1 Le categorie dei contenuti per l’email marketing

Come detto, ogni contenuto ha un obiettivo, che può essere classificato così:

  • Commerciale: riguarda offerte, promozioni e novità dello store.
  • Informativo: riguarda guide, consigli, recensioni, segnalazioni relative a prodotti e servizi.
  • Di servizio: riguarda la segnalazione di avvenuto ordine, spedizione e consegna.
  • Di lifecycle: riguarda le attività dell’utente nello store.

2.2 Abbinare i contenuti ai segmenti di pubblico

Come ogni contenuto ha un obiettivo, ogni obiettivo ha il suo pubblico, che possiamo associare così:

  • Chi acquista (di servizio e commerciali): a questo segmento inviamo un’email di ringraziamento e conferma d’acquisto, seguita, dopo un certo periodo di tempo (qualche giorno), da una mail che invita a lasciare una recensione o un commento. Seguiranno poi offerte di prodotti correlati o cross-selling da mandare a cadenza bisettimanale o mensile.
  • Chi non acquista (lifecycle): a questo segmento, dopo qualche giorno, mandiamo una mail che invita a concludere l’acquisto, o a motivare l’abbandono del carrello, per capire se ha riscontrato problemi o semplicemente ha cambiato idea. Se non acquista, possiamo insistere proponendo sconti per invogliare all’acquisto.
  • Chi si iscrive alla newsletter (di servizio, informative e commerciali): a questo segmento mandiamo una mail di ringraziamento, a cui faranno seguito una serie di mail a cadenza settimanale o mensile sulle promozioni dell’eCommerce o informative sul nostro brand.

Questa è una segmentazione basica, che va bene per iniziare a gestire il flusso di contatti del nostro eCommerce. Man mano che riceviamo feedback o cresce la nostra mailing list, possiamo creare ulteriori segmentazioni, ad esempio:

  • Chi non apre le mail (lifecycle): pianifichiamo una mail di follow-up, in cui chiediamo feedback, offriamo sconti, creiamo messaggi personalizzati sulla base degli acquisti fatti, insomma, tutto ciò che può invogliarli a non ignorare le mail.
  • Pubblico che si disiscrive dalla newsletter (di servizio): mandiamo una mail di saluto, invitando a lasciare un feedback riguardo la scelta di abbandono, così che si possa capire perché hanno scelto di disiscriversi.

 

3. I processi di automazione dell’email marketing: evitare di fare tutto manualmente

La gestione e l’invio delle email non deve essere fatta manualmente, ma attraverso la creazione di flussi automatici di invio, che si attivano con dei trigger (evento o comportamento) impostati da noi.

3.1 Procedure e consigli per l’email marketing automation

L’automazione è, di base, la programmazione di una serie di email che vengono inviate automaticamente a un contatto in base al suo comportamento o al suo stato. Questo ci permette di risparmiare tempo e rendere scalabile il flusso di email senza doverlo seguire manualmente.

Tutti i software di email marketing permettono di attivare flussi di automazione.

Ecco alcuni esempi di automazioni, con relativi trigger e azioni, che possiamo utilizzare nel nostro eCommerce:

  1. Flusso di benvenuto:
    • Trigger: iscrizione alla newsletter o creazione di un nuovo account sullo store.
    • Azione: email di benvenuto che ringrazia per l’iscrizione e presenta l’azienda o il brand.
  2. Flusso di acquisto:
    • Trigger: completamento di un acquisto sullo store.
    • Azione: email di ringraziamento con i dettagli dell’ordine e la conferma dell’acquisto.
  3. Flusso di carrello abbandonato:
    • Trigger: un cliente aggiunge prodotti al carrello ma non completa l’acquisto entro un certo periodo.
    • Azione: invio di un promemoria; invio di un secondo promemoria con incentivo all’acquisto; terzo promemoria con offerta e così via.
  4. Flusso di Follow-Up:
    • Trigger: passato un certo periodo dall’ultimo acquisto.
    • Azione: email per chiedere feedback o recensione sul prodotto e suggerire prodotti correlati.
  5. Flusso di rinnovo o riordino:
    • Trigger: passato un certo periodo dall’acquisto di prodotti consumabili o con scadenza.
    • Azione: invio di un promemoria per rinnovare l’ordine o suggerire un riordino.
  6. Flussi di anniversario:
    • Trigger: anniversario della data di iscrizione del cliente o di acquisto prodotto.
    • Azione: email di ringraziamento con eventuali sconti o offerte personalizzate.
  7. Flusso di offerta o lancio nuovo prodotto:
    • Trigger: lancio di una promozione o di nuovi prodotti/brand/servizi.
    • Azione: email informativa sulle offerte speciali e sui nuovi prodotti a catalogo.
  8. Flusso di festività:
    • Trigger: avvicinamento di periodi di festività (natale, pasqua, estate, black friday).
    • Azione: email informativa sulle novità o promozioni legate al periodo.
  9. Flusso di ricompensa e fedeltà:
    • Trigger: dopo un certo numero di acquisti o una certa spesa totale raggiunta.
    • Azione: email di ringraziamento, con sconti speciali o punti fedeltà.
  10. Flusso di riattivazione:
    • Trigger: inattività prolungata da parte di un cliente (non ha effettuato acquisti o aperto email per un certo periodo).
    • Azione: email con richiesta feedback o promozioni per riconquistare l’attenzione del cliente.

3.2 Monitorare e ottimizzare i processi di automazione

Per essere sicuro che tutto stia funzionando correttamente, dobbiamo sempre monitorare i risultati, tenendo conto di diversi aspetti, tra cui:

    • Metriche chiave: sono il tasso di apertura, i clic interni e il tasso di cancellazione dalla newsletter. Questi fattori ci diranno quanto sono utili le email che mandiamo.
    • Feedback dei clienti: ogni tanto chiediamo o domandiamo feedback e recensioni, per avere informazioni su come i clienti percepiscono e interagiscono con le email.
    • Analisi delle vendite: valutiamo se c’è un effettivo incremento nelle vendite o nelle conversioni dopo l’invio di una determinata campagna email.

Ogni quanto si monitora? Dipende da quante mail mandiamo e quanti flussi di automazione abbiamo attivato. È importante essere costanti, ad esempio:

    • Una volta a settimana monitoriamo i principali KPI (metriche chiave).
    • Una volta al mese verifichiamo i principali KPI in relazione all’andamento del fatturato.
    • Ogni sei mesi o una volta all’anno, raccogliamo i feedback dei clienti.

 

4. Utilizzare l’intelligenza artificiale per creare un flusso di email marketing automatizzato

Strumenti come Chat GPT e Google Bard possono aiutarci nell’analisi dei dati, nella segmentazione del pubblico, nell’automatizzazione del flusso di email e nella creazione dei contenuti per le stesse.

Proviamo qui a vedere come.

4.1 segmentare il pubblico con l’aiuto dell’intelligenza artificiale

Raccogliamo i dati che abbiamo a disposizione, come ad esempio:

  • Cronologia degli acquisti: quali prodotti o servizi ha acquistato un cliente, con quale frequenza, a quali prezzi e/o sconti, etc.
  • Comportamento di navigazione: quali sono le pagine che gli utenti visitano più spesso sul sito, quanti hanno abbandonato il carrello senza completare l’acquisto, etc.
  • Dati demografici: età, sesso, posizione geografica, professione, etc.

Organizziamo i dati in un file e facciamoli analizzare dall’AI con un prompt simile:

Agisci come un data analyst con esperienza nel campo degli eCommerce. Basandoti sui dati della mailing listi che ti fornisco qui di seguito, identifica i gruppi con interessi e comportamenti simili e segmenta la mailing list sottogruppi omogenei. [incolla i dati raccolti].

4.2 automatizzare il flusso email con l’aiuto dell’intelligenza artificiale

Ora che abbiamo creato i nostri segmenti, dobbiamo creare il flusso di automazione. Immaginiamo di voler automatizzare il segmento di carrelli abbandonati. Questo potrebbe essere un prompt da dare all’AI per creare il flusso:

Agisci come un email marketing specialist. Crea un flusso di automazione ottimale per riconquistare i clienti che hanno abbandonato il carrello. Indicami le tempistiche ideali per l’invio delle email e, per ognuna di esse, indicami che tipo di contenuto è più opportuno per il follow-up.

A questo punto l’AI potrebbe suggerire un flusso del genere:

  • 1° mail, dopo 24 ore dall’abbandono, di promemoria.
  • 2° mail, dopo 72 ore dall’abbandono, di promemoria con recensioni e o guide sul prodotto.
  • 3° mail, dopo 1 settimana dall’abbandono, di promemoria con sconto per invogliare l’acquisto.

4.3 Creare contenuti con l’aiuto dell’intelligenza artificiale

Una volta definito il segmento e il flusso di automazione, possiamo creare i singoli contenuti delle email. Supponendo di mantenere l’esempio del carrello abbandonato, riassumiamo su un foglio word queste informazioni:

  • Profilo del segmento: una descrizione dettagliata del segmento a cui vogliamo mandare le tre mail definite in precedenza (basandoci su dati anagrafici, di interessi, etc.).
  • Informazioni sul contenuto: un riassunto di ciò che vogliamo venga comunicato con le mail. Nel nostro caso: un promemoria, recensioni, sconti, richieste di feedback.
  • Obiettivi: indichiamo quello che è il fine dell’automazione e di ogni singola mail. Nel nostro caso è quello di spingere il cliente a concludere l’acquisto, ma con tre gradi di “spinta”: promemoria (1° mail), feedback altri clienti (2° mail), sconto (3° mail).

Riassunte le informazioni, inseriamole in un prompt che possa creare i contenuti, ad esempio:

Agisci come un copywriter. Sulla base delle informazioni che ti fornisco di seguito, scrivi 3 email per un flusso di carrello abbandonato. Utilizza le informazioni di “profilo del segmento” per calibrare il tone of voice; le “informazioni sul contenuto” per scrivere i contenuti; gli “obiettivi” per far sì che ogni mail raggiunga gli obiettivi specifici. [incolla i dati raccolti: segmento, inf contenuto, obiettivo mail].

 

Ricorda che le intelligenze artificiali funzionano tanto meglio quanto sono più precise e ricche le informazioni che diamo loro. Il loro obiettivo è svolgere il lavoro “manuale” più che quello creativo. Noi dobbiamo agire come dei direttori creativi che indicano la direzione e il mood.

 

Per approfondire l’argomento

L’email marketing è una pratica di comunicazione molto utile per il nostro eCommerce, ma anche complessa da implementare in maniera efficiente, costante e utile.

In questo articolo abbiamo delineato i concetti chiave utili ad avviare un flusso, ma se vuoi approfondire l’argomento, queste sono alcune fonti utili:

Email Marketing da Zero, un manuale semplice e chiaro per chi vuole apprendere le basi dell’email marketing, scritto da Marianna Caravatta, advertising specialist di Studio Samo, una delle principali agenzie di marketing in Italia: darioflaccovio.it/email-marketing-da-zero

Email Marketing & Automation, un corso verticale sul funnel dell’email marketing, dalle basi teoriche all’applicazione pratica delle strategie, curato da Luca Mastella, fondatore della piattaforma di formazione Learnn: learnn.com/corso/email-marketing-automation/

 

 

Se vuoi rimanere aggiornato gratuitamente in ambito eCommerce e del Digital Marketing,
iscriviti alla nostra newsletter su LinkedInè gratis, e ti arriva 2 volte al mese

 

Indice

Potrebbe interessarti anche:

Le coding factory sono aziende del settore edu-tech dal taglio B2C e B2B. Offrono servizi di formazione ad aspiranti lavoratori in ambito tech e digital, e al contempo offrono servizi di selezione e reclutamento personale per le aziende che operano nel medesimo settore.
Una guida alla creazione di pagine prodotto efficaci: a cosa servono, come sono fatte, quali elementi si utilizzano per attirare l’attenzione degli utenti e spingerli alla conversione, come si differenziano per categoria merceologica. Tutto sulle pagine prodotto ecommerce.
L’evoluzione del mercato digitale rende indispensabile un percorso di formazione continua. Le piattaforme edu-tech offrono risorse educative accessibili e flessibili, utili a sviluppare competenze professionali e di business in campo digitale e non solo. Una guida ai portali edu-tech e all’apprendimento online, dai MOOC alle piattaforme di aziende tecnologiche.
Come arrivare preparati a uno degli eventi commerciali più attesi dell’anno. Strategie commerciali e di comunicazione per ottimizzare le vendite, acquisire nuovi clienti, liberare il magazzino, migliorare il profitto e posizionare i prodotti.
6 italiani su 10 preferiscono acquistare su un eCommerce per combattere l’inflazione. In questo articolo vediamo gli strumenti che Facebook, Instagram e Whatsapp mettono a disposizione per ottimizzare e accrescere la customer experience del nostro store online.
I motori di ricerca premiano i siti che forniscono un’esperienza affidabile, pertinente e autorevole. Una guida SEO per costruire i contenuti del tuo eCommerce seguendo il principio del buon senso, attraverso pratica, strumenti e fonti
Il settore eCommerce è in costante crescita e con esso cresce la richiesta di figure capaci di costruire, gestire, ottimizzare un attività commerciale online. In questo articolo vediamo alcuni dei principali corsi in partenza nella seconda metà del 2023, erogati da enti di alta formazione.
Nati poco più di una decina di anni fa in America, i coding bootcamp sono oggi una realtà affermata e diffusa anche in Italia, dove si pongono come ponte diretto tra il mondo della formazione e quello del lavoro in ambito tech e IT.
Sapersi orientare nel vasto panorama dell’offerta formativa dell’apprendimento continuo è fondamentale per avere una formazione soddisfacente e proficua.